Verona random diary (day one and two)

Verona è stata per me una tappa importante, una di quelle che ha significato tanto, una di quelle che volevo fare da tempo. Come già vi ho anticipato su instagram ho immaginato spesso di vedere questa città e alla fine tra una cosa e l’altra ho finito con il vederla questo Novembre in maniera del tutto inconvezionale e in un modo molto diverso rispetto a come l’avevo programmato anni fa. I giorni a Verona per me sono stati speciali, mi sono serviti a mettere un punto ad un percorso che ho iniziato da tempo, quello con me stessa. Io, maps alla mano e una bella playlist fondamentalmente Verona è stata questo, la voglia di sognare a tempo pieno, il libro di Romeo e Giulietta in mano, il mio amico Artur (di cui vi ho parlato qui) , è stata ritrovare Ali dopo anni e vederla felice, mangiare la sua pizza e riabbracciarla, sono stati i suoi gatti e l’affetto che ho trovato a casa sua, Verona è stata magia e tramonti meravogliosi, le sue piazze e i suoi monumenti, ma più di tutto Verona è stata un’ Antonella che finalmente ha fatto i conti con il suo cuore e tutti i suoi sogni.

Antonella Leone

Blogger, stundente di vita e sognatirice a tempo pieno.

Io: 23 anni e tanti sogni. Si dice che nella borsa di una donna ci sia sempre tutto ma nella mia spesso ci sono solo un paio di cuffie, un iphone e una canon con cui mi diverto a fotografare il mondo, catturare i momenti e le sfaccettature di ciò che amo.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>